Ottobre è stato il mese dei sopralluoghi per Corpo Links Cluster.

Ad inizio del mese un team italiano del progetto è partito alla scoperta della Val Germanasca alla ricerca di nuovi palcoscenici naturali per la stagione 2019 di VERTIGINE, un programma di Torinodanza festival (presentato quest’anno in Valle Chisone e valle di Susa).

Il primo sopralluogo in Valle Germanasca è iniziato da Masello e dalle sue meravigliose borgate. Insieme al sindaco Willy Micol sono stati visitati, il Museo valdese della Balsiglia, sistemato nei locali dell’antica scuola di quartiere, la scuola Beckwith di Gros Posset e la Foresteria di Massello, principale luogo d’incontro tra le comunità locale e i viandanti.
Seconda tappa, il paese di Prali, una delle località turistiche più a misura d’uomo della valle e che presenta una dimensione dell’offerta sportiva, culturale e del tempo libero adatta alle famiglie. Il sindaco di Prali Franco Grill ha presentato la realtà locale mettendo in risalto i soggetti e le risorse che possono essere coinvolti per iniziative e spettacoli, evidenziando che sono presenti alcuni eventi come Pralibro nel periodo estivo e una serie di iniziative durante la stagione dello sci. A concludere la prima giornata di sopralluoghi la visita all’ Ecomuseo delle miniere e della Val Germanasca, polo attrattivo turistico e culturale per l’intera valle.

Nel secondo sopralluogo in Valle Germanasca il team di Torinodanza ha incontrato a Prali il Direttore della società degli impianti Prali Ski Area e la direttrice della Scuola Sci Prali, nonché guida naturalistica che ha accompagnato il team alla Conca dei 13 Laghi, meta del secondo sopralluogo.
Il Vallone dei 13 Laghi è una conca in cui si trovano 13 laghi dislocati in un percorso complessivo di 3 ore di escursione a 2.300 metri d’altezza. Il primo lago raggiungibile a piedi non è il primo lago che si incontra visivamente, bensì il Lago Dell’Uomo. Non lontano, a circa altri 10 minuti di cammino, ci sono alcuni ex ricoveri militari, purtroppo ad oggi abbandonati e inagibili. In ogni caso, la bellezza naturalistica del luogo è tale da essere valorizzata solamente attraverso azioni performative che non impattino né dal punto di vista paesaggistico, né dal punto di vista ambientale. In questo territorio è quindi ipotizzabili un intervento artistico di “passeggiata coreografica” che possa prendere  spunto dalla riflessione sull’incontro tra l’escursionismo dolce e la performance.

..Valicando il confine, arriviamo al terzo sopralluogo del team di progetto. Partner francesi e italiani, hanno visitato il territorio della Maurienne e la Valle Cenischia alla ricerca di uno spazio transfrontaliero che possa unire i progetti artistici italiani e francesi in un unico grande evento da presentare al pubblico a luglio 2019.

A Novalesa il Sindaco, Piera Conca, ha dato la sua disponibilità a collaborare nella realizzazione di incontri, spettacoli ed eventi. Il sindaco ha voluto mettere in risalto le numerose emergenze storiche e naturalistiche presenti sul territorio, in particolare, l’Abbazia di Novalesa, ancora oggi ospitante membri dell’ordine benedettino, le cascate di Novalesa, tra le attrazioni naturalistiche più visitate da escursionisti giornalieri, la via Maestra, su cui si affacciano numerosi edifici di pregio architettonico e storico e che presenta importanti testimonianze di quando a Novalesa fermavano viandanti e pellegrini prima di attraversare il colle del Moncenisio.

A seguire sono state visitate: la Maison Franco-italienne, localizzata lungo la viabilità principale e posta in posizione facilmente raggiungibile su entrambi i versanti del colle; area all’aperto verso il lato francese, raggiungibile da una strada secondaria che conduce alla zona del piccolo Moncenisio, si caratterizza per essere un’area prossima alle sponde del lago ed a contatto con alcune aziende di allevamento, una delle attività tipiche del luogo; area all’aperto sul versante italiano, localizzata ai piedi della diga del Moncenisio che corrisponde alla località Grand Croix, si tratta di una frazione abbandonata dove sono presenti numerosi edifici diroccati.
Ed infine è stato visitato l’ Ecomuseo Terre di Confine del piccolo borgo della Ferrera, principale centro del comune di Moncenisio.

Il Colle del Moncenisio è un valico alpino delle Alpi Cozie tra Francia e Italia che unisce la val di Susa, nella città metropolitana di Torino, con la regione dell’Haute Maurienne, compresa nel dipartimento francese della Savoia. Sarà in questo territorio che vedremo continuare l’avventura del progetto Corpo Links Cluster?

continuate a seguirci per scoprirlo….