Approda a Torinodanza VERTIGINE, il risultato di un anno di lavoro sui territori di montagna tra Torino e Chambéry. Artisti di diverse generazioni raccontano la montagna, uscendo da schemi e processi consuetudinari per costruire una modalità creativa che coinvolge le comunità, intercetta temi e pensieri che la montagna esprime, condividendo idee e progetti. La Val di Susa e la Val Chisone sono state al centro del lavoro di quest’anno e gli spettacoli presentati nascono nei territori di Bardonecchia e di Pragelato: tre artisti, la danzatrice/acrobata francese Chloé Moglia, i coreografi italiani Michele Di Stefano con la sua compagnia mk e il giovane Marco D’Agostin, durante l’estate hanno invaso le valli piemontesi per poi scendere a ottobre a Torino e mostrare, nell’ambito di Torinodanza, il cammino percorso, i risultati raggiunti, le idee nate in altitudine, gli incontri vissuti durante le residenze.

LA SPIRE di Chloé Moglia che sarà presentata alle Fonderie Limone sabato 13 e domenica 14 ottobre, nasce dal desiderio di impostare un dispositivo sospeso su uno sfondo di cielo che appartiene a tutti noi, una spirale di funi d’acciaio eretta orizzontalmente, che forma tre anelli successivi con un diametro di sette metri, lunga diciotto metri e, al centro, uno spazio vuoto. Questa immensa spirale offre la possibilità di guardare all’ambiente circostante, sia esso naturale o urbano, con un punto di vista differente, per costruire uno spazio infinito e sospeso nel cielo, facendosi cullare dai virtuosismi aerei di sei giovani donne performers, perché La Spire offre lo sguardo delicato e sensibile di un immaginario tutto al femminile.

PARETE NORD di Michele Di Stefano, in programma il 12 e 13 ottobre, è uno spettacolo ispirato dalla “disubbidienza geografica” che ogni territorio montano porta con sé, il nuovo spettacolo di mk nasce proprio nel cuore delle Alpi piemontesi, nel corso della residenza a Bardonecchia, immerso in un ambiente sempre in tensione tra alto e basso, reinvenzione della natura e mitologia dell’inaccessibile. L’adattamento umano a tutta questa magnificenza si compie inesorabile, ma sullo sfondo aleggia un costante allenamento al vuoto, un esercizio duro blandito dai nomi seducenti dei passaggi e delle cime, dallo sport e dall’aria buona. Questo sfondo resta imprendibile perché assoluto e sempre pronto a franare, dunque irresistibile per il corpo del danzatore. Con la capacità di astrazione che contraddistingue il suo lavoro, sempre sospeso tra mondo fisico e realtà immaginate, Di Stefano raccoglie questi sentimenti per riportarli in forma di coreografia pura.

FIRST LOVE di Marco D’Agostin, in programma il 12 e 14 ottobre, è invece un intreccio di sci di fondo e danza; competizione e performance, allenamento e training. Dopo una residenza e un laboratorio creativo con i ragazzi del Centro Olimpico del Fondo di Pragelato e grazie allo sguardo della campionessa olimpica piemontese Stefania Belmondo, a cui il progetto è dedicato, Marco D’Agostin prova a far incontrare i due percorsi fondamentali della sua formazione, lo sport e la danza, interrogando i codici dello sci di fondo, l’attitudine competitiva alla performance e la relazione con i territori di montagna. Uno spettacolo/tributo alla più celebre gara della campionessa di sci di fondo, la 15km a tecnica libera delle Olimpiadi di Salt Lake City del 2002, e assieme un modo per interrogarsi sul primo amore, su quello che credevamo di essere e non siamo più, e su come si trasforma quello che siamo stati.

La seconda parte di VERTIGINE (#1) vi aspetta quindi alle Fonderie Limone:

VENERDÌ 12 OTTOBRE 2018
Alle ore 20.00 un incontro prima degli spettacoli curato dall’Associazione Dislivelli che racconterà che cosa si intende per “Montagna dolce”, un’idea di montagna capace di futuro, che sposa la filosofia del turismo dolce, leggero e sostenibile.  A seguire, alle 21.00, la prima nazionale di PARETE NORD di mk – Michele Di Stefano, e alle 22.00 la prima nazionale di FIRST LOVE di Marco D’Agostin (van).

SABATO 13 OTTOBRE 2018
Alle ore 18.30
Michele Di Stefano incontra gli alpinisti e guide alpine Alessandro Gogna e Alberto Re, modera Enrico Camanni, A seguire, alle 20.00, nello spazio esterno delle Fonderie Limone si terrà la prima nazionale di LA SPIRE di Chloé Moglia (Rhizome) e  alle 21.00 PARETE NORD nella sala grande.

DOMENICA14 OTTOBRE 2018
Alle ore 18.30
Marco D’Agostin incontra l’atleta olimpionica di sci di fondo Stefania Belmondomodera Enrico Camanni. Alle ore 20.00 LA SPIRE di Chloé Moglia e alle 21.00 FIRST LOVE di Marco D’Agostin.

Fuori Teatro VERTIGINE propone anche un laboratorio di arrampicata al BSIDE CLIMBING PARK curato dall’artista circense Chloé Moglia e dalla campionessa d’arrampicata Federica Mingolla.

Per saperne di più visita il sito di Torinodanza festival