Progetto

CORPO LINKS CLUSTER È UN PROGETTO DI RICERCA E INNOVAZIONE IN MATERIA DI OFFERTA CULTURALE E DI AMPLIAMENTO DEL PUBBLICO CHE COLLEGA, ATTRAVERSO LE VALLI DEL MONCENISIO, I CENTRI URBANI DI TORINO E DI CHAMBÉRY.

CORPO LINKS CLUSTER, presentato dall’Espace Malraux ‐ Scène Nationale de Chambéry et de la Savoie (capofila), Teatro Stabile di Torino ‐ Teatro Nazionale / Torinodanza festival, Associazione Dislivelli e Université Savoie ‐ Mont Blanc, è tra i progetti vincitori del programma INTERREG – V – a Italia – Francia ALCOTRA 2014‐2020. Il progetto si inserisce nell’ Asse I, Innovazione applicata, in particolare in materia di offerta culturale, per un budget totale di € 1.934.455,38.

CORPO LINKS CLUSTER è un progetto innovativo in materia di offerta culturale e di ampliamento del pubblico, che ha l’obiettivo di consolidare l’ attrattività del territorio su cui insiste, perseguendo lo sviluppo di una proposta inedita sull’asse montano che unisce Torino e Chambéry, creando un “ambiente” dove possano collaborare in modo inedito e multidisciplinare artisti, ricercatori e sportivi coinvolgendo il tessuto imprenditoriale.
La montagna sarà al centro del confronto come ideale ambito di incontro tra contemporaneità e tradizione, tra istanze di conservazione ambientale e di innovazione identitaria. CORPO LINKS CLUSTER propone un modello nuovo di cooperazione transfrontaliera tra due importanti centri di produzione artistica (Espace Malraux di Chambéry e Teatro Stabile di Torino ‐ Teatro Nazionale), gli operatori turistici territoriali, i partner economici e ricercatori universitari.
Nel corso di 3 anni (tra aprile 2017 ed aprile 2020) i partner, riuniti all’interno di un cluster, lavoreranno sull’identità culturale forte che accomuna gli abitanti del territorio transfrontaliero: la pratica della montagna. Partendo dalla constatazione che questa, oggi, è quasi esclusivamente di tipo sportivo, saranno organizzati sull’asse transfrontaliero incontri pubblici tra sportivi e artisti che praticano discipline basate sul mettere in gioco il proprio corpo. Atleti e artisti condivideranno in pubblico conoscenze e competenze e daranno vita a nuove produzioni artistiche, realizzate appositamente per CORPO LINKS CLUSTER, ispirate a quella cultura propria di coloro che vivono la montagna, residenti e turisti.
Le produzioni artistiche saranno presentate lungo un itinerario che collega i centri urbani di Torino e Chambéry, presso luoghi tradizionalmente dedicati alla diffusione della cultura, ma non solo, in ambienti interni e all’esterno, nei teatri, nei rifugi, presso le piste da sci, in siti storici o davanti a paesaggi mozzafiato, con un’attenzione particolare rivolta al pubblico giovane e al coinvolgimento di dirigenti e di dipendenti delle imprese. Saranno chiamati artisti di rilievo del panorama coreutico e teatrale internazionale, invitati ad indagare il tema del corpo in relazione alla montagna e al paesaggio, attraverso i concetti di equilibrio e disequilibrio, sforzo fisico e gestione della performance.
Il percorso sarà sviluppato in stretta relazione con i territori ospitanti attraverso residenze creative e incontri nei luoghi più significativi dell’asse montano che unisce Torino a Chambéry, tra cui Modane, Saint‐Jean‐de‐Maurienne, Exilles, Bardonecchia, Sestriere, Moncenisio, Fenestrelle, Pinerolo, Prali e Susa.
Parallelamente agli incontri e alle produzioni artistiche, nell’intento di conoscere meglio l’identità del territorio transfrontaliero, l’Université Savoie Mont Blanc in collaborazione con l’Associazione Dislivelli, porterà avanti uno studio sul sistema d’offerta turistica e culturale nel territorio della Savoia‐Piemonte, condotto dai ricercatori dell’Università e da consulenti esterni francesi e italiani, che darà luogo a 2 pubblicazioni. Le azioni di ricerca e di cooperazione, durante lo sviluppo triennale del progetto, prevedono inoltre degli appuntamenti di networking e confronto che coinvolgeranno i partner di progetto, reti territoriali di piccole e medie imprese italiane e francesi, così come soggetti di rilievo del mecenatismo culturale, per arrivare all’organizzazione di una conferenza sul tema dell’innovazione culturale in sintonia con il territorio.